“P2P – FACEBOOK GLOBAL DIGITAL CHALLENGE”: INCONTRO TRA CROCE ROSSA E DSPS – DISUM DELL’ATENEO CATANESE. Lunedì 5 marzo 2018.

Continua la collaborazione tra il Comitato CRI di Catania e l’Ateneo della città. Si è svolto lunedì 5 marzo l’incontro tra i ragazzi del progetto “ Peer To Peer – Facebook Global Digital Challenge” e i Volontari del Comitato etneo. La EdVenture Partner, quest’anno, ha coinvolto l’Ateneo catanese nella tradizionale competizione internazionale sponsorizzata da Facebook, il colosso dei social network sempre più impegnato nella lotta contro l’hate speech e le fake news. Gli studenti selezionati, iscritti al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali e al Dipartimento di Scienze Umanistiche, sono guidati dal prof. Guido Nicolosi, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi, responsabile del progetto. Il tema della campagna è “Social media and migration”: inevitabile, quindi, la collaborazione col Comitato CRI etneo, da sempre in prima linea ed esposto al fenomeno. L’intero pomeriggio, infatti, è stato dedicato alla descrizione delle attività in fase di sbarco, accoglienza e assistenza condotte dai Volontari, nel quadro dei Sei Obiettivi strategici 2020. Silvia Dizzia (Responsabile Restoring Family Links CRI Catania), ha illustrato le varie attività del Gruppo RFL (dallo sbarco ai Centri per migranti, da Safe Point alla ricerca delle salme, dall’ufficio ai nosocomi). Storicamente, RFL è un pilastro della Croce Rossa, ma proprio negli ultimi anni ha subito un profondo rinnovamento per far fronte al fenomeno migratorio. Serena Guzzardi (Responsabile Sportello Sociale CRI Catania), ha sottolineato l’importanza del supporto psicologico agli assistiti, indistintamente aiutati secondo i Principi e i Valori di Croce Rossa: il lavoro svolto all’interno dell’Organizzazione, infatti, non si ferma mai al mero sussidio materiale. Lejla Cassia (Delegata Obiettivo VI CRI Catania), infine, ha spiegato il valore della Comunicazione, soprattutto nei nostri giorni, in cui i social media sono un potente mezzo di diffusione e amplificazione delle attività svolte, atto a sensibilizzare e informare l’opinione pubblica. Temi centrali questi per gli studenti partecipanti al concorso, in quanto questi ultimi dovranno coinvolgere la collettività del territorio, elaborando dati e realizzando foto e video. «La Comunicazione» afferma Guido Nicolosi «è una competenza tecnica che si inserisce in un quadro culturale, la cui sensibilità è necessaria per una campagna efficace e carica di valori». Dichiarazione che si sposa perfettamente con lo spirito di Croce Rossa. Non resta che augurare buona fortuna ai ragazzi: la loro vittoria sarà anche un riconoscimento della collaborazione tra Ateneo e Comitato. Ma certamente ha già vinto il lavoro e la passione umanitaria dei Volontari in sinergia con la Società civile.

TAGS: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,